Garcža Peraza, Juanita (1897-1970) e Mita

Fare clic per visualizzare la foto

Juanita Garcža Peraza

La vita

Juanita Garcìa Peraza nacque il 24 giugno 1897 in Hatillo (Portorico) da una famiglia benestante di religione rigorosamente evangelista. Durante gli anni ‘30, la famiglia si trasferì ad Arecibo, dove Juanita si ammalò seriamente per una malattia cronica di tipo gastrointestinale, da cui ella dichiarò di essere guarita mediante la preghiera: questo fatto la convinse di dedicare il resto della sua esistenza ad una vita religiosa.
Entrò quindi in una chiesa locale pentecostale, dove fu una delle prime donne predicatrici del Portorico. Tuttavia, non a tutti i suoi confratelli piaceva quella nuova predicatrice appassionata ed energica, in una società civile, ma anche religiosa, che non dava molti spazi alle donne.
In quel periodo, G., interrogandosi su quale fosse il suo futuro, raccontò che un giorno una stella, che per lei rappresentava la luce dello Spirito Santo, la colpì sulla fronte: era il segno che G. stessa era l’incarnazione dello Spirito Santo. Decise quindi nel 1940 di abbandonare la chiesa pentecostale, con 11 seguaci, per formarne una sua nuova, denominata Congregaciòn Mita (vale a dire Parola di Vita, il soprannome che adottò la stessa G.) in Arecibo. La chiesa fu spostata nel 1947 nel quartiere Hato Rey di San Juan (la capitale di Portorico), dove recentemente è stato costruito il gigantesco tempio del movimento, che può ospitare fino a 5.000 fedeli.
Nel frattempo, il movimento si è espanso all’estero, soprattutto nell’America Latina (Messico, Colombia, Repubblica Dominicana, Costa Rica, Panama, El Salvador, Curacao ed Ecuador), ma anche in Stati Uniti e Spagna.

Il movimento Mita dopo la morte della fondatrice e la sua dottrina

Il 21 febbraio 1970 “Mita” morì e alla guida del movimento fu nominato il figlio “spirituale” di G., Teofilo Vargas Sein, nato il 23 ottobre 1921 ad Albonito (vicino a Hatillo) da un’umile famiglia contadina. Teito, vezzeggiativo di Teofilo, era stato uno dei primi seguaci di Mita (faceva parte degli 11 che la seguirono nel 1940), la quale, nominandolo suo successore, gli diede il nome spirituale di Aaròn.

Attualmente il movimento Mita conta oltre 50.000 fedeli (di cui 14.000 in Colombia) in continua espansione, ed il sito ufficiale è www.congregacionmita.org/  
Dal punto di vista dottrinale, il movimento ha un impianto simile a quello delle denominazioni pentecostali, ma riconosce il carattere messianico del ruolo di Mita, che rappresenta l’era dello Spirito Santo, dopo quella del Padre (l’Antico Testamento) e quella del Figlio (il Nuovo Testamento). Le riunioni hanno un forte “pathos” emozionale, vi si operano guarigioni ed esorcismi (caratteristici della cultura caraibica).